Natale Capellaro, la genialità  di un autodidatta